venerdì 30 luglio 2010

Dica 33

33 mi ricorda via Rasella. Chissà se i nuovi membri di Futuro e Libertà organizzeranno la rappresaglia delle fosse verdine: "10 berlusconiani per ogni finiano". A me il futuro non piace, la libertà pochissimo. E pensare che Azione Nazionale mi faceva quasi tenerezza. Meglio ridere: la storia si ripete sempre, ma in forma di farsa. Forse ritorna AN (la sua parodia liberalchic), ritorna il maanchismo e che cosa è la destra, ritornano le promesse del '94 (rivoluzione liberale, giù le tasse, più pelo per tutti) e gli spauracchi di sempre, gli schmittiani nemici oggettivi (toghe rosse, sinistre irresponsabili, comunisti) in una gattopardiana e impotente immobilità. Cheppalle, sognavo De Gaulle, non autogol.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Non credo di dire nulla di nuovo, ma che Berlusconi fosse un personaggio che con Fini (anche l'abbrutito, invecchiato e oramai rinnegato Fini) non avesse NULLA a che vedere, a me sembrava un dato ovvio ed acquisito.
Nel Cuore di Berlusconi - parafrasando una frase famosa dal film "Hunt for Red October" - c'è poco spazio per altri che non sìano Berlusconi.
Questo concetto, tanto chiaro quanto semplice, porterà alla tomba (se già non lo ha fatto) sia lui, sia il suo partitucolo, fatto di svariati pupazzetti in cerca d'autore e supportato da alcuni milioni di casalinghe frustrate e da italioti il cui pensiero politico si ferma al "meglio Berlusconi che la sinistra".

Le casalinghe le capisco, gli italioti li compatisco, perchè per non votare a Sinistra ci sono anche altri modi, diversi dal dare il voto (scusate )ad un pazzo megalomane, pronto a sfasciare tutto e tutti (se stesso incluso) pur di poter dire "avevo ragione io" (guardate quello che sta facendo al Milan oggi e capirete quello che può fare all'Italia intera domani)...

Ma sto andando fuori tema: sorry!
Fini. Fini se ne va, e fa bene: la sua uscita è un piccolo omaggio di Dignità ad una carriera politica ormai devastata (rectius: sputtanata) in nome del "rigetto il Fascismo e la sua Eredità".
Ok, fuori. Va bene.
Ma adesso, se Fini fosse un vero stratega, sono certo che non farebbe fatica per trovare una strategia in "tre tempi", la quale porti:
1) alla caduta del governazzo-Berluscazzo in breve tempo,
2) ad ovvie ed inevitabili elezioni anticipate e
3) ad una vittoria ancora più bella e possente di una Destra Nuova, senza il pazzo megalomane tra le balle (o con il pazzo megalomane adeguatamente ridimensionato).

Ma sarà il Nuovo Fini un uomo tanto intelligente ed audace, ancorchè in forma più pallida, di quello che fu il Vecchio Fini (che conobbi)?
Al Futuro (ritengo prossimo) l'ardua sentenza...

Stefano Cicetti ha detto...

Non ti credevo cosi' ottimista. Sul concetto di Destra Nuova si puo' discutere tantissimo, ma Fini sopra il 10% alle elezioni non va. Almeno finche' campa B.

Anonimo ha detto...

Carissimo Stefano, io non sono affatto (purtroppo) ottimista...
Tu sei un Uomo equilibrato, intelligente ed attento, dunque ci tengo alla tua opinione (che a priori ritengo rispettabilissima).
La mia domanda è semplice: mi spieghi, in un 25/30 righe, perchè, a tuo modo di vedere, Berlusca piace tanto agli italiani?

Stefano Cicetti ha detto...

Questa mi pare una buona sintesi. Ma ci torneremo, ci si ragionera' ancora un secolo, sul consenso al Cav. Lo storicizzeremo, per ora basta una canzon.

“Qualcuno fu berlusconiano perché nacque a Milano / qualcuno fu berlusconiano perché il nonno, lo zio, il papi... e pure la mami / qualcuno fu berlusconiano perché sognava Milano2, perché tifava Milan, guardava ‘Drive in’ / qualcuno fu berlusconiano perché Tangentopoli fece fuori Dci e Psi / qualcuno fu berlusconiano per il timore del comunismo al potere / qualcuno fu berlusconiano perché i magistrati politicizzati fanno paura / qualcuno fu berlusconiano perché non c’era nulla di meglio / qualcuno fu berlusconiano perché odiava il Vaticano / qualcuno fu berlusconiano perché la Mondadori è la Mondadori / qualcuno fu berlusconiano perché pure a Medusa, a Mediaset, pagavano bene / qualcuno fu berlusconiano perché prima… prima… era stato fascista / qualcuno fu berlusconiano perché prima era stato comunista / qualcuno fu berlusconiano perché era un po’ socialista e un po’ democristiano / qualcuno fu berlusconiano perché sai che palle gli antiberlusconiani / qualcuno fu berlusconiano perché non amava le tasse / qualcuno fu berlusconiano perché la tv pubblica faceva schifo / qualcuno fu berlusconiano perché amava la fica sopra ogni cosa / qualcuno fu berlusconiano per dispetto al padre sessantottino / qualcuno fu berlusconiano perché hai presente Occhetto? / qualcuno fu berlusconiano perché era più berlusconiano degli altri / qualcuno fu berlusconiano perché non ne poteva più di 50 anni di governi democristiani incapaci e mafiosi / qualcuno fu berlusconiano perché era mafioso (lui, non Berlusconi) / qualcuno fu berlusconiano perché odiava i moralisti / qualcuno fu berlusconiano perché prima era stato comunista / qualcuno fu berlusconiano perché Bondi faceva tenerezza / qualcuno fu berlusconiano perché era ricco e amava il popolo… dei ricchi / Qualcuno fu berlusconiano perché aveva bisogno di un favore, una spintarella per il suo residence e quando non gli arrivò l’aiutino iniziò ad essere antiberlusconiano / qualcuno fu berlusconiano perché credeva a un’Italia nuova, sulle ali della libertà / Rimpianti? No! Forse già allora molti avevano visto mentire Berlusconi con gli occhi luccicanti... e come gazze ladre s’erano fiondati sui talenti / E ora? Le gazze ladre gridano ladro al loro capo. Uomini e donne hanno fatto carriera e ora vogliono far finta d’averla fatta senza di lui. Quante miserie in un corpo solo”.